Il Blog di Enzo Bianchi

Il Blog di Enzo Bianchi 

​Fondatore della comunità di Bose

Caro Diogneto - 49

31/12/2012 23:00

ENZO BIANCHI

Riviste 2013,

Caro Diogneto - 49

Jesus

Pubblicato su: JESUS - gennaio 2013


di ENZO BIANCHI


Il cristiano è richiamato dal Vangelo e la conformità o la non conformità a Gesù Cristo dovrebbe apparirgli come un criterio evidente per giudicare la sua fede

Da alcuni anni viene ripetuto come uno slogan, che si vuole decisivo e apodittico: “Con Dio o senza Dio tutto cambia”. Queste parole vengono infatti recepite come parole che tracciano un fossato profondo tra credenti in Dio e coloro che non professano una fede in lui, i senza Dio o atei. Tutto cambierebbe, nel senso che dalla professione di fede in Dio discenderebbe un uomo totalmente diverso rispetto a quello che non si sente di professare tale fede.

 

Occorre dunque riflettere bene su questa affermazione ed esaminarne la plausibilità. Il cristiano con fede evangelica si sente perciò innanzitutto obbligato a confrontarsi, affermando che Dio è un termine troppo ambiguo, perché il Dio dei cristiani non è un qualsiasi Dio, ma il Dio raccontato da Gesù Cristo (cf. Gv 1,18), il Figlio di Dio e il Figlio dell’uomo. È lui che con la sua vita umana nella nostra carne ci ha rivelato il Dio vero e vivente; è lui la vera narrazione di Dio che impedisce al cristiano ogni teismo. Dunque l’affermazione “con Dio o senza Dio tutto cambia” non è sufficiente per garantire che l’uomo trovi in Dio (quale? qualsiasi?) il suo bene, il senso del senso, una traccia di umanizzazione.

 

Ma il cristiano si può fare delle domande ulteriori: “Si può negare Dio o fare a meno di lui senza pensare a se stesso come a un dio? Se Dio non esiste o non è affermato, l’uomo è necessariamente utilitarista fino a pensare solo a se stesso? È un uomo condannato alla philautía, e dunque ai mali che vengono generati da questo amore esasperato di sé, amore che non riconosce gli altri?”.

Indubbiamente, non il credente in Dio ma il cristiano che trova nel Vangelo il suo Dio, non può vivere senza gli altri o addirittura contro gli altri, perché il Dio del Vangelo comanda l’amore del fratello. Chi crede in Gesù Cristo e ama Dio deve innanzitutto fare ciò che Dio gli comanda: questo fa assolutamente parte del suo amore per Dio! Dunque il cristiano è richiamato dal Vangelo, è giudicato dal Vangelo, e la conformità o la non conformità a Gesù Cristo dovrebbe apparirgli come un criterio evidente per giudicare la sua fede. Nella fede autentica il cristiano trova le ragioni per un’esistenza vissuta come cammino di umanizzazione, per una vita segnata da amore, giustizia, riconciliazione, pace, una vita buona, bella e beata.

 

Una volta affermato questo, si potrebbe però negare che altri uomini che non conoscono il Vangelo, o comunque non giungono alla fede nel Dio di Gesù Cristo, sono condannati a una vita senza etica, senza possibile ricerca di senso, senza vita interiore? Qui ci soccorre la storia con la sua testimonianza: uomini e donne in molte culture e in ogni tempo sono stati dei “giusti”, sono stati capaci di dare la vita per gli altri, di mettersi al loro servizio. E allora? Perché affermare che solo la professione di fede in Dio garantisce la bontà di una vita? I cristiani oggi lo sanno: si può essere vescovi, preti, monaci e non essere uomini di Dio, e soprattutto non avere alcun rapporto con la parola di Dio e il Vangelo; d’altra parte, si può non professare alcuna fede ma, “stando fuori” – come asseriva sant’Agostino – essere, senza saperlo, docili allo Spirito santo che abita nel cuore dell’uomo perché, secondo il cristianesimo, ogni essere umano è stato creato “a immagine e somiglianza di Dio” (cf. Gen 1,26). L’uomo nel male può perdere la somiglianza con Dio, ma l’immagine non la perde mai – dicevano i padri della chiesa –, poiché questa immagine è indelebile e dice che l’uomo è sempre uomo in ogni situazione!

 

Che cosa allora è decisivo, che cosa cambia tutto? Possiamo esprimerci così: cambia tutto quando un uomo, una donna non idolatrano se stessi ma sono capaci di guardare gli altri, di amarli, di essere al loro servizio; cambia tutto quando si combatte una lotta contro ogni tipo di idolatria che aliena l’uomo, perché l’idolo non è un falso teologico ma antropologico; cambia tutto se si è convinti che occorre vivere la regola aurea presente in ogni cultura: “Fa’ agli altri ciò che vuoi sia fatto a te”; cambia tutto se uno si sente sempre pellegrino della verità, sempre in ricerca, combattendo ogni orgoglio…

 

Sì, l’immagine di Dio presente nell’uomo è più determinante delle religioni o delle posizioni filosofiche che si vivono. E così i cristiani affermano che “nel cuore degli uomini lavora invisibilmente la grazia, che Cristo è morto per tutti, … che lo Spirito santo dà a tutti la possibilità di venire associati, nel modo che Dio conosce, al mistero pasquale” (Gaudium et spes 22). Infine, il cristiano può dire che tutto cambia per lui a causa della fede nella risurrezione di Gesù Cristo. Sì, a livello di speranza tutto cambia con il Dio di Gesù Cristo o senza il Dio di Gesù Cristo.

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder