Il Blog di Enzo Bianchi

Il Blog di Enzo Bianchi 

​Fondatore della comunità di Bose

Islam, le ragioni del dialogo

16/12/2006 23:00

ENZO BIANCHI

Quotidiani 2006,

Islam, le ragioni del dialogo

La Stampa

quotidiano3lastampa-svg-1606753762.png

17 dicembre 2006

di Enzo Bianchi

Da quattordici secoli, per il cristianesimo “l’altro” religioso per eccellenza è l’islam e viceversa, tuttavia il rapporto tra queste due fedi non è mai stato simmetrico. Perché? Proprio perché il Corano asserisce e proclama che il cristianesimo fa parte dell’islam, in quanto l’islam non solo si è innestato su ebraismo e cristianesimo, ma ne è la più autentica espressione: l’islam si considera dunque la continuazione autentica della rivelazione di Gesù “profeta dell’islam”. Secondo una lettura islamica, c’è stata un’alterazione dell’evangelo di Gesù da parte prima dell’apostolo Paolo e poi della chiesa, soprattutto nel IV secolo con Costantino e il concilio di Nicea, e si è quindi creata una distinzione tra il Gesù storico e il Gesù della fede cristiana, mentre l’autentica comprensione di questa figura la si ritrova nel Corano e nel messaggio di Maometto.

Proprio per questo nel Corano troviamo uno sguardo ambiguo sui cristiani: da un lato ci sono testi come la Sura V che affermano “tu troverai che gli uomini più vicini ai credenti sono quelli che dicono: ‘noi siamo cristiani’ e troverai tra loro monaci che non sono gonfi di orgoglio”; dall’altro lato vi sono molti versetti in cui i cristiani sono condannati come non osservanti la vera fede, come credenti tra cui Dio ha messo ostilità e odio” (Sura LVII e la stessa Sura V). In ogni caso, Gesù è ciò che unisce islam e cristianesimo e, al contempo, ciò che irrimediabilmente li divide: è sulla fede in lui che nei secoli si è registrata la grande polemica tra le due fedi.

 

Per i cristiani, invece, l’islam non si può inglobare nel cristianesimo, resta una realtà esterna ad esso, in un certo senso non necessaria ed estranea: per questo, a lungo è stato letto come un’eresia rassomigliante all’arianesimo che nega la divinità di Gesù e l’unicità della salvezza in lui. L’islam per i cristiani resta un “enigma” con la sua pretesa di profezia successiva al pieno compimento della rivelazione di Dio in Gesù Cristo.

Inoltre, non solo la fede ma anche, strettamente legata ad essa, la storia ha portato a dividere profondamente le due fedi e a convincerle di essere l’una opposta all’altra, fino a identificare in essa il “totalmente altro” nel campo della fede, “l’altra presenza” religiosa nella storia. L’islam, infatti, si è dilatato rapidamente, conquistando le antiche terre della cristianità, le terre dei padri della chiesa d’oriente: Asia minore, Medioriente... In alcuni casi, come in Egitto e in Siria, molti cristiani hanno dapprima colto nell’islam soprattutto l’aspetto di un’attesa liberazione dall’oppressione bizantina e della fine delle feroci guerre tra bizantini e persiani, poi, percependolo come una possibile forma di fede che garantiva la vita sociale, lo hanno abbracciato dimenticando la fede cristiana. Così l’islam, tra conquista armata e penetrazione socio-culturale, si è imposto riducendo i cristiani a piccole minoranze. Sono stati secoli nutriti di polemica teologica con rarissimi casi di dialogo in oriente, mentre in occidente l’islam è stato visto a lungo come “il nemico” che delimita i fines christianorum, i confini della cristianità, e nei confronti del quale si considerano innanzitutto le imprese e i conflitti armati.

 

Oggi i cristiani riescono a leggere nell’islam una profezia anti-idolatrica che ha portato la fede monoteista alla genti, ai pagani, ma quanti nella chiesa sono impegnati nel dialogo e nel confronto culturale sono ben consapevoli delle difficoltà dovute alla storia vissuta, alla non-contemporaneità tra paesi musulmani e occidente, alla presenza nel mondo islamico di fondamentalismi aggressivi che arrivano anche a usare la violenza e il terrorismo. Quale dialogo, allora? Certamente non si può sfuggire al problema posto da Benedetto XVI: il dialogo che si nutre della “ragione” e che quindi sa rinunciare alla violenza. Un dialogo che rifiuta sia l’identificazione tra cristianesimo e occidente, sia quella tra islam e estremismi intolleranti e aggressivi; un dialogo che, invece, accetta e stimola il confronto sui temi che stanno a cuore a miliardi di uomini e di donne di ogni dove: la libertà di professare e di vivere la propria fede, la tolleranza, la laicità delle istituzioni politiche, il confronto che rifugge la violenza e il terrorismo, la capacità di rileggere insieme la storia, purificando e guarendo le memorie ferite dai torti subìti... Un dialogo che, come ha mostrato Benedetto XVI nella moschea blu di Istanbul, può nutrirsi anche della preghiera rivolta al Dio unico, perché dire il Dio unico “altrimenti” non significa dire un “altro” Dio. Un dialogo simile, che si nutre di ragione, che fa uso delle scienze umane e che si declina nel rispetto dell’altro non è certo facile, ma è indispensabile se si vuole continuare ad abitare insieme questo mondo che, senza pace e giustizia, è destinato all’invivibilità.

 

Enzo Bianchi

 

Pubblicato su: La Stampa

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder