Il Blog di Enzo Bianchi

Il Blog di Enzo Bianchi 

​Fondatore della comunità di Bose

Insieme a Papa Francesco

18/10/2021 15:00

ENZO BIANCHI

Quotidiani 2021,

Insieme a Papa Francesco

La Repubblica

La Repubblica - 18 ottobre 2021

 

di Enzo Bianchi

In maniera sommessa, senza attirare molto l’attenzione dei media, ieri è iniziato un cammino nuovo nelle diverse chiese locali cattoliche sparse su tutta la terra: un percorso inedito, mai praticato in venti secoli di cristianesimo, anzi osteggiato soprattutto in occidente nel secondo millennio. Può darsi, e lo vedremo tra qualche anno, che si sia dato inizio all’evento ecclesiale più importante e più capace di dare un nuovo volto alla chiesa dopo il concilio Vaticano II. Scrivo “può darsi”, perché nulla è assicurato: il cammino è tutto da fare e percorrendolo occorre pensare ed emanare indicazioni che precisino i termini della sinodalità e definiscano le procedure per il sinodo che sarà celebrato nell’ottobre del 2023. Perché sinodo (syn-hodós in greco) significa cammino fatto insieme da tutti i battezzati, da tutte le componenti della chiesa, da tutti i fedeli, i pastori, i vescovi e il Papa, “insieme”.

 

Questa è una procedura nuova e da inventare perché il sinodo non è un parlamento, non è una convention, non è un convegno, ma è innanzitutto uno stile nel vivere e nell’agire, e quindi anche un’istituzione nella quale “ciò che riguarda tutti, da tutti deve essere trattato e deliberato” come recita il principio forgiato nella tradizione cristiana.

 

Non si tratta di immettere nell’ambito ecclesiale la “democrazia” e la logica delle maggioranze e delle minoranze, ma di rendere possibile il concorso di tutti i battezzati alla formulazione di scelte e decisioni necessarie a una chiesa che sta nella storia e nella compagnia degli uomini.

 

Così, Papa Francesco ancora una volta ha sorpreso tutti camminando davanti al popolo e indicando che occorre uscire dai recinti, assumere la dinamica dell’andare avanti senza paura perché “camminando si apre cammino!”. Ecco allora soprattutto due parole che diventano martellanti nelle coscienze che sono contro vento nell’attuale nostra società: responsabilità e partecipazione.

 

Il forte e perentorio richiamo alla responsabilità nasce dalla consapevolezza della dignità di essere cristiani e si manifesta in una soggettività matura, in una fede pensata, in una vera responsabilità nella chiesa e della chiesa di cui si è membri. In questo senso non ci devono più essere cristiani che ascoltano soltanto le parole dei pastori e non si fanno ascoltare, non ci devono essere cristiani passivi che lasciano al clericalismo accentratore e verticalista l’opportunità di essere la chiesa.

 

E perciò occorre la partecipazione concreta di ciascuno e di ciascuna, altrimenti comunione e missione restano temi astratti, pie intenzioni, auguri sempre rinnovati che non permettono un vero coinvolgimento nella vita della chiesa. La responsabilità è faticosa, è facile fuggirla, ma ora Papa Francesco svela l’ipocrisia e la menzogna di tanta passività. Il Papa ha fiducia nel popolo di Dio, come se vedesse l’invisibile, assicura che esso ha un fiuto, un senso della fede infallibile, dunque può, deve impegnarsi nell’edificare la chiesa con una presenza che non sia solo ancillare e di collaborazione subordinata. Proprio perché la partecipazione non va meritata ma semplicemente esercitata con libertà e fortezza è possibile che la pietra scartata diventi pietra di fondamento, che i lontani diventino vicini, che i poveri siano innalzati, che gli ultimi diventino primi.

 

Papa Francesco afferma che “il cammino della sinodalità è il cammino che Dio si aspetta dalle chiese del III millennio”. È una sfida, questa, che solo un profeta può annunciare. Ma sappiamo che proprio a causa della parola detta il profeta segna anche il proprio tragitto e il proprio esito tra incomprensioni e non certo tra  gli applausi mondani.

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder