Il Blog di Enzo Bianchi

Il Blog di Enzo Bianchi 

​Fondatore della comunità di Bose

Scelto da Maria fuori dalle norme del patriarcato

08/12/2021 12:37

Michela Murgia

Testi di Amici 2021,

Scelto da Maria fuori dalle norme del patriarcato

di Michela Murgia

di Michela Murgia

Il problema insanabile che il patriarcato ha con Giuseppe è che è difficile riconoscere in lui qualunque forma di potere nel senso dominante del termine. Non comanda sulla moglie, non comanda sul figlio, a differenza di Maria non induce Gesù a compiere uno straccio di miracolo e per tutta la storia della cristianità sarà marchiato da quell’aggettivo a suo modo terribile – putativo – che nel sentire comune non ha mai voluto dire altro che finto. Eppure è grazie a lui che Maria non è stata uccisa a causa di una gravidanza difficile da spiegare a un paese intero già con le pietre in mano. È grazie a lui che Gesù e sua madre sono sopravvissuti alla furia del tetrarca di Giudea e dei suoi scagnozzi.

 

È grazie a lui che il Figlio di Dio ha avuto un’infanzia e un’adolescenza talmente serene da non offrire, in quella banale felicità da villaggio, manco mezzo appiglio narrativo agli evangelisti. Il punto dolente è che Giuseppe è maschio in un modo che col maschilismo (e quindi con i maschilisti) non c’entra niente, perché in lui il “perché” e il “per chi” coincidono in modo esatto. Non è Ulisse che sogna l’altrove. Non è Enea che fugge perdente da Troia in fiamme, ma solo per fondare un’altra città. Non è Artù che unisce con la spada le contraddizioni della Britannia. E non è nemmeno, per restare agli Atti, un più spirituale Paolo di Tarso, così eloquente da convertire i pagani alla fede più distante di tutte dalla loro. Giuseppe non deve convincere nessuno e forse nemmeno saprebbe come fare, infatti non apre mai bocca. È lui il vero custode del santo silenzio, non Maria, che invece nei vangeli, contrariamente alla vulgata predicatoria, prende parola ben più di una volta.

 

Per il falegname di Nazaret non ci sono missioni speciali degne delle cantate degli aedi, perché lo scopo della vita di Giuseppe non è un cosa, ma un chi: la sua impresa, la sua epica e la sua vittoria sono due persone indifese e preziose che non hanno altra protezione che la sua. La maschilità del presente e del futuro potrebbe trovare ampio spunto in una figura così difficile da collocare nelle categorie della dominanza e del possesso, uno che dentro la logica del branco strutturata dal patriarcato nascerebbe reietto per essere e restare un maschio beta. C’è qualcosa di robustamente liberatorio nel fatto che la fragilità del Figlio di Dio incarnato sia stata protetta non da un eroe dal profilo già pronto a farsi leggendario, ma da un uomo mite e affidabile, che per salvare i suoi cari non trova umiliante nemmeno l’esilio. Per riconoscere valore a un uomo capace di agire così fuori dagli schemi del sistema normativo dei generi non è possibile a prescindere da una rinnovata specularità dei ruoli, e dunque è indispensabile che vi siano donne disposte a rompere a loro volta quelli già esausti, prima di tutto per se stesse. Per questo forse non è inutile ricordare in questo discorso che, in fondo, a scegliere Giuseppe, a dispetto dei racconti apocrifi, non è stato Dio. È stata Maria

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder